venerdì 18 gennaio 2008

Per me che adoro la musica in ogni suo genere e sfumatura è fin troppo facile ascoltare una canzone per caso mentre sono in coda alla cassa o mentre faccio zapping davanti alla tv e ritrovarmela in testa per tutto il giorno! E' proprio quello che mi è capitato oggi mentre andavo a lavoro, stavo cambiando frequenza in cerca di una canzone con degli ottimi bassi tanto per svegliarmi un pò quando passando da radio deejay ho riconosciuto una voce familiare, era Samuele Bersani con "le mie parole" ma a causa del segnale un pò disturbato ho dovuto cambiare stazione.


Così tornata a casa mi sono messa a ripensare ai suoi ultimi concerti e a quanto io mi sia divertita e questo è bastato a farmi venir voglia di ascoltare il cd "caramella smog" che contiene questa canzone. Ed è stato un vero toccasana, ogni volta questo pezzo mi emoziona da matti! il testo scritto da pacifico è di una bellezza incredibile, per me è pura poesia! esprime in una manciata di parole sentimenti che troppo spesso vengono dati per scontati.


Se leggendo questo post vi è venuta voglia di ascoltarla, ecco un video-omaggio tratto dal film notte prima degli esami, se non ricordo male la canzone ne è la colonna sonora.


E per quanti non la conoscono ho trascritto il testo così potete seguirla mentre la ascoltate.



Le mie parole sono sassi
precisi aguzzi pronti da scagliare
su facce vulnerabili e indifese
sono nuvole sospese
gonfie di sottointesi
che accendono negli occhi infinite attese
sono gocce preziose indimenticate
a lungo spasimate e poi centellinate, sono frecce infuocate che il vento o la fortuna sanno indirizzare
Sono lampi dentro a un pozzo, cupo e abbandonato
un viso sordo e muto che l'amore ha illuminato
sono foglie cadute
promesse dovute
che il tempo ti perdoni per averle pronunciate
sono note stonate
sul foglio capitate per sbaglio
tracciate e poi dimenticate
le parole che ho detto, oppure ho creduto di dire
lo ammetto
strette tra i denti
passate, ricorrenti
inaspettate, sentite o sognate...
Le mie parole son capriole
palle di neve al sole
razzi incandescenti prima di scoppiare
sono giocattoli e zanzare, sabbia da ammucchiare
piccoli divieti a cui disobbedire
sono andate a dormire sorprese da un dolore profondo
che non mi riesce di spiegare
fanno come gli pare
si perdono al buio per poi ritornare
Sono notti interminate, scoppi di risate
facce sopraesposte per il troppo sole
sono questo le parole
dolci o rancorose
piene di rispetto oppure indecorose
Sono mio padre e mia madre
un bacio a testa prima del sonno
un altro prima di partire
le parole che ho detto e chissà quante ancora devono venire...
strette tra i denti
risparmiano i presenti
immaginate, sentite o sognate
spade, fendenti
al buio sospirate, perdonate
da un palmo soffiate


4 gatti hanno miagolato:

AndreA ha detto...

Eccomi!!
Come promesso, passo per un saluto, poi tornerò con calma a leggere un po'...

Un abbraccio!! :-)

`°*ஜღ moka ♥ღஜ*°´ ha detto...

ciao e grazie della visita!
.... allora ti aspetto!! a presto!

Davide Barzi! ha detto...

Pensa: ho postato anch'io il testo di questo incommensurabile capolavoro, qualche mese fa:
http://davidebarzi.blogspot.com/2007/03/le-mie-parole.html

`°*ஜღ moka ♥ღஜ*°´ ha detto...

PENSO: la passione per Samuele bersani mi accompagna dall'adolescenza, è il pensiero migliore che potrei avere in questo momento.

Archivio Blog

Followers

Crescita personale, benessere e libertà finanziaria

Free Image Hosting at FunkyIMG.com

Partecipa anche tu al progetto ANAHERA Clicca qui per guardare il video di presentazione e registrarti gratuitamente Inizia oggi stesso a creare la tua rendita.

Post popolari

Shinystat